combattere l'insonnia

5 rimedi naturali per smettere di russare

Russare di notte è una delle cause di malesseri più comuni associata al sonno. Sia per chi russa che per chi dorme insieme alla persona affetta da roncopatia cronica, conoscere e affrontare con serenità e un po’ di leggerezza l’argomento è il modo migliore per risolvere il problema.

In questo articolo cercheremo di capire insieme quali sono le cause e i rimedi naturali per non russare, per il bene della coppia e per il benessere fisico e la salute del russatore.

Prima di approfondire il discorso sui rimedi naturali per non russare, mi piacerebbe approfondire alcune della cause di questo problema, causa della perdita di qualità del sonno. Oltre a disturbare le persone che dormono insieme al ronfatore, il russare cronico incide negativamente sul ciclo del sonno di quest’ultimo e quindi sulla sua salute.

Cause del russare notturno

La cause del russamento notturno e il rumore che comporta sono da attribuire all’ostruzione del flusso d’aria che circola dove la lingua e la parte superiore della gola entrano in contatto col palato molle e con l’ugola.

Quando questi muscoli si rilassano, i tessuti molli della gola, sarebbe a dire il palato molle, l’ugola, le tonsille e la base linguale, entrano in contatto e iniziano a vibrare a causa della respirazione. Le cause dell’ostruzione del flusso d’aria che comporta il russare sono l’ostruzione nasale, la chiusura della gola, l’ingrossamento delle tonsille e della base linguale.

Gli uomini fra i 35 e i 55 anni sono le persone più colpite dalla malattia da ronfare notturno. Tra questi, il 25% russa ogni notte, mentre il 50% ronfa frequentemente. Se gli uomini sono i più colpiti dalla roncopatia cronica, nelle donne questo disturbo del sonno si manifesta principalmente dopo il comparire della menopausa e durante la gravidanza.

apnea notturna

Il rumore del russare e i suoi sintomi

Il rumore del russare notturno raggiunge tendenzialmente i 90 decibel ed è assimilabile al rumore di un autotreno o di un martello pneumatico. Prendersi cura della propria roncopatia, magari cercando dei rimedi naturali per smettere di russare, è indispensabile per evitare il peggioramento della stessa e quindi l’innalzamento della soglia di rumore prodotta durante il sonno.

A causa del rumore e al fastidio prodotto, il russare è considerato un vero e proprio disturbo del sonno e come tale va trattato, cercando di curarlo al meglio per evitare le cause derivanti da questo problema, come gli stati di sonnolenza durante il giorno, la cefalea e la scarsa capacità di concentrarsi.

Oltre a questi sintomi, se nessuno dei tuoi vicini di sonno ti ha mai avvertito del tuo ronfare, è facile accorgersi della propria roncopatia, o comunque la tendenza a russare frequentemente, prestando attenzione alla comparsa di alcuni dei sintomi più frequenti di questo disturbo del sonno, tra cui:

  • mal di testa
  • mal di gola appena svegli
  • difficoltà di concentrazione durante il giorno
  • alto grado d’irritabilità durante il giorno
  • deficit dell’attenzione e della memoria

Quando il russare è piuttosto rumoroso e intermezzato da rantoli e momenti di silenzio, corrispondenti a pause respiratorie, siamo in presenza del cosiddetto fenomeno dell’apnea respiratoria.

Le complicanze dovute al verificarsi ripetuto e prolungato di questo fenomeno sono abbastanza serie, perché comportano ipertensione, aritmie, aumento dei rischi di infarto cardiaco e ictus cerebrale, oltre all’aumento dei livelli di colesterolo e trigliceridi, all’ansia e alla depressione.

In caso ti accorgessi di essere interessato dal fenomeno dell’apnea notturna, ti consiglio di rivolgerti ad un medico per curare le cause di questa patologia.

disturbi del sonno

Rimedi naturali per non russare

Molti di noi sottovalutano gli effetti negativi della roncopatia, spesso per disattenzione, altre volte per evitare di affrontare apertamente l’imbarazzo provocato dall’argomento. Come il senso comune ci suggerisce, trascurare una patologia comporta un suo peggioramento e la conseguente necessità di ricorrere ad estremi rimedi, quali operazioni e cure farmacologiche.

Per questo motivo ti consiglio vivamente, in caso di persistente russare, di rivolgerti ad un medico per curare al meglio le cause della patologia e tornare a godere di un ciclo del sonno soddisfacente, base del benessere fisico di ognuno di noi e uno dei principali fattori di uno stile di vita sano.

Volendo però è possibile trovare dei rimedi naturali per non russare, consigliati da molti medici come delle buone abitudini da assumere allo scopo di condurre uno stile di vita sano e finalizzato alla riduzione delle cause della roncopatia cronica. Per consigliarti al meglio gli accorgimenti da seguire, ho raccolto alcune semplici regole del buon vivere quotidiano il cui rispetto curare il tuo russare, agendo sulle cause, per diminuirne i sintomi e gli effetti negativi:

  • Seguire uno stile di vita sano e mantenere il peso forma

Bisogna far attenzione alle calorie del cibo che mangiamo e evitare di prendere troppo peso. Questo è un ritornello ripetuto da quasi tutti quelli che parlano di benessere fisico, della cura del corpo e delle regole di base per mantenersi in buona salute. Nel caso del russare cronico è necessario infatti mantenere il proprio peso forma ed evitare il sovrappeso, una delle principali cause del ronfare notturno.

L’innalzamento della soglia di rumore del tuo russare è dovuta all’accumularsi del grasso nella zona tra collo e mandibola, motivo del restringersi del passaggio del flusso d’aria e del cronico e rumoroso ronfare. Oltre ad una corretta alimentazione, è consigliabile evitare di fare le ore piccole perché la stanchezza favorisce un eccessivo rilassamento dei muscoli della gola durante il sonno.

Per ridurre i decibel prodotti dal russare è consigliabile inoltre riposare almeno sette ore a notte, cercando di mantenere un ciclo del sonno regolare e di andare a dormire più o meno sempre agli stessi orari.

  • Evitare tranquillanti e sonniferi prima di andare a dormire

Pillole e farmaci in generale non sono un rimedio ideale, perché se è vero che sonniferi e tranquillanti permettono di addormentarsi molto facilmente, non riducono i decibel del ronfare e non agiscono sulle sue cause.

Uno dei rimedi naturali per non russare che posso consigliarti è invece il “bite”, un apparecchio di plastica molto simile ad un paradenti che va indossato di notte come se fosse una dentiera. Questo dispositivo impedisce alla lingua di ostruire la trachea, evitando di ostacolare il flusso d’aria della respirazione che causa il russare notturno.

  • Evitare gli alcolici nelle quattro ore prima del sonno

E non sto parlando di evitare di berne in eccesso ma addirittura di assumerne anche quantità minime, quindi se sei di quelli che adorano bere una pinta di birra o un buon bicchiere di vino rosso durante la cena, assicurati di farlo almeno quattro ore prima di andare a dormire. Questo periodo di tempo tra l’assunzione di alcool e il momento di mettersi al letto permette di evitare l’eccessivo rilassamento dei tessuti delle vie respiratorie e quindi il russare notturno.

Uno degli altri rimedi naturali per non russare è bere un buon bicchiere d’acqua prima di andare a dormire.

  • Evitare i pasti o gli spuntini sostanziosi almeno tre ore prima di dormire

Un’altra regola aurea del vivere sano che vale anche come uno dei principali rimedi naturali per non russare è quello di evitare di andare al letto con la pancia troppo piena. In questo caso è consigliabile fare una cena leggera e facilmente digeribile, per evitare di impegnare lo stomaco in una lunga digestione, ostacolando il sonno e la respirazione. Sono quindi fortemente sconsigliati gli spuntini notturni, sicuramente uno dei più sfiziosi e comuni “piaceri colpevoli” che tutti noi amiamo concederci, ma anche un vero e proprio amplificatore del russare.

  • Dormire sdraiati su un fianco

Assumere la giusta posizione durante il sonno permette di eliminarne una delle cause del russare. Un altro dei rimedi naturali per non russare consiste infatti di evitare di dormire supini, sarebbe a dire a pancia in su, causando il rilassamento del palato molle e il conseguente stronfiare.

Degli specifici braccialetti che rilevano il russamento possono inoltre aiutarti a mantenere la posizione e di conseguenza una buona qualità del sonno. Un’altra accortezza riguardante la posizione è quella di tenere la testa leggermente sollevata, magari grazie all’utilizzo di un cuscino in più, ma allo stesso tempo stando attenti a non dormire con la testa troppo alta, per evitare il torcicollo.

Areare bene la propria stanza prima di andare a dormire è un’altra buona abitudine: il cambio dell’aria favorisce l’abbassamento della temperatura e della presenza di fattori inquinanti, garantendoti una respirazione migliore.

Prima di dormire è consigliabile fare anche una rilassante doccia calda, per godere degli effetti benefici di questa sulle fosse nasali intasate.

Vuoi saper un altro modo curioso per rimediare al russare notturno? Cantare: intonare qualche melodia infatti tonifica i muscoli della gola, riducendo la possibilità di ostruzione del flusso respiratorio che causa lo stronfiare notturno. In questo modo avrai anche la libertà di stonare apertamente e ripetutamente in pubblico, appellandoti al detto “la salute prima di tutto”!

cure russamento

Come affrontare il discorso del russare cronico con tatto ed efficacia

Affrontare il tema del proprio russare cronico o cercare di risolvere il problema della roncopatia del proprio partner significa parlare molti altri argomenti delicati riguardanti lo stile di vita quali il fumo, l’alcool e le abitudini alimentari.

Nel caso in cui il russatore incallito sia tu, puoi beneficiare dei rimedi naturali per non russare appena elencati. Nel caso in cui tu debba affrontare il discorso del ronfare cronico del tuo partner, ti consiglio di avere molto tatto e di scegliere il momento giusto della giornata, che non è sicuramente il primo mattino, frangente in cui magari sarete entrambi più irritabili a causa delle preziose ore di sonno perse.

Il primo passo per parlare del russare cronico col tuo partner è capire quanto lui sia cosciente del problema. Molte volte infatti i russatori cronici tendono a minimizzare o a non rendersi conto dell’entità del problema. Oltre ad una buona dose di pazienza, sensibilità e fermezza nell’affrontare il tema, in questo caso può venirti in aiuto un apparecchio capace di rilevare e diminuire il russamento notturno. Questo bracciale anti russamento trasmette lievi impulsi elettrici e un accurato biofeedback a chi lo indossa permettendogli di diminuire il russare e monitorare il sonno allo stesso tempo.

cerotto per non russare

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *