osteoporosi e prevenzione

Come prevenire l’osteoporosi con cure efficaci a casa e in ospedale

L’osteoporosi è una patologia che colpisce le ossa. È molto comune anche in Europa e provoca una fragilità generale dello scheletro. Le conseguenze possono andare dal semplice mal di schiena fino a fratture della colonna vertebrale, del femore e del polso anche dopo urti di lieve entità o addirittura in seguito a movimenti bruschi come può essere uno starnuto.

Della prevenzione dell’osteoporosi si parla già da tempo ed è in effetti un argomento molto importante, visto che, se diagnosticata in tempo e curata con scrupolo, è possibile oggi ridurre di molto l’impatto di dolore e fastidio e conseguenze più serie correlate alla malattia degenerativa.

Questa patologia nei suoi stadi iniziali non presenta sintomi tali da consentire una diagnosi precisa prima della sua piena comparsa. Uno dei modi per diagnosticarla in assenza di sintomi gravi, quali le fratture ossee, è la misurazione della densimetria ossea, scientificamente chiamata Mineralometria ossea computerizzata:

La Mineralometria Ossea Computerizzata, nota come MOC, è il modo più accurato per misurare la massa ossea, ed in particolare la sua densità minerale, cioè la quantità di Calcio e Fosforo presente.

I diversi tipi di Mineralometria (MOC)

Esistono diversi tipi di mineralometria ossea computerizzata tra cui la MOC DEXA (misura dell’assorbimento di raggi X a doppia energia) e la MOC QUS (ultrasonografia quantitativa). Il metodo più utilizzato attualmente negli studi medici privati e dai medici generici per la prevenzione dell’osteoporosi è la DEXA, misurazione che richiede l’utilizzo di un apparecchio a raggi X chiamato osteodensimetro.

L’osteodensimetro è uno strumento indispensabile per i medici generici che vogliono dare un servizio aggiuntivo ai propri pazienti, oltre ad essere utile ai medici specializzati nella cura e prevenzione dell’osteoporosi.
L’osteodensimetro e la misurazione di calcio e fosforo presente nello scheletro.

L’osteodensimetro di ultima generazione

osteoporosi e ossa

L’osteodensitometro misura la quantità di Calcio e Fosforo presente nello scheletro. L’osteodensimetro di ultima generazione utilizza la tecnologia DEXA che consiste nel far attraversare l’osso da un fascio di raggi X a doppia energia: più l’osso è ricco di Calcio e più il fascio viene rallentato. Durante questa operazione la quantità di raggi X che viene assorbita da medico e paziente, durante l’esame con la tecnologia DEXA, è minima e si aggira intorno a 1 mRem.

Questo basso grado di esposizione ti permette di utilizzare l’osteodensimetro senza disperdere raggi X nell’ambiente. Sempre grazie alla quasi totale assenza di radiazioni, puoi ripetere l’esame sul tuo paziente dopo pochissimo tempo.

L’osteodensimetro ti permette di effettuare due operazioni fondamentali:

– la valutazione della massa magra e della massa grassa sul corpo dei tuoi pazienti.

– la valutazione selettiva dello stato di mineralizzazione delle ossa.

Uno degli svantaggi di molti degli osteodensimetri in commercio è il loro costo elevato. Puoi però trovare in commercio soluzioni economiche e maneggevoli molto interessanti per i medici generici. Questi tipi di osteodensimetro ti permettono di fornire un ottimo servizio di prevenzione, monitoraggio e diagnosi dell’osteoporosi.

L’osteodensimetro e il T-score

Il T-score è la differenza tra il valore individuale osservato e il valore medio della popolazione sana di riferimento e si utilizza per la diagnosi dell’osteoporosi in soggetti adulti. Dopo aver effettuato la rilevazione con l’osteodensimetro, puoi calcolare il T-score rilevando la differenza dallo standard di riferimento, calcolato su soggetti sani dello stesso sesso appartenenti alla fascia d’età che va dai 25 ai 30 anni. Il sito della Lega Italiana Osteoporosi riporta la classificazione dei valori di T-score dettati dall’OMS:

Secondo i criteri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (originariamente riferiti alle donne in menopausa, ma oggi utilizzati per gli adulti di ambo i sessi), si parla di osteopenia quando il valore del T-score è inferiore a -1, e di osteoporosi quando il T-score è inferiore a -2.5.

Lo Z-score e la misurazione dell’osteodensimetria nei bambini

Lo Z-Score si utilizza per misurare l’osteodensimetria nei bambini, oltre che negli adolescenti e nei soggetti di età inferiore ai 30 anni. Lo Z-score si calcola differenziando il dato rilevato dall’osteodensimetro col valore di riferimento. Il valore di riferimento è stabilito sui soggetti sani dello stesso sesso e della stessa età dell’esaminato. La rilevazione dello Z-score deve anche tener conto delle differenti dinamiche di crescita da individuo a individuo (dimensioni del corpo, stato puberale, etc. etc).

3 buone abitudini per prevenire l’osteoporosi

pescatore

attività all’aria aperta, anche semplici, possono aiutare a prevenire l’osteoporosi

Dopo aver scoperto l’osteodensimetro come strumento per la prevenzione dell’osteoporosi, vogliamo condividere con te e i tuoi pazienti 3 buone abitudini da osservare per prevenire l’osteoporosi:

  1. Una dieta ricca di calcio
    Alimentarsi con la giusta quantità di latte, yogurt, formaggio e, in caso non basti, prendere in considerazione l’assunzione di integratori alimentari a base di calcio. Gli integratori vanno consigliati dal medico curante e non vanno gestiti in autonomia dal paziente.
  2. Una regolare attività fisica
    Una regolare attività fisica anche se di moderata intensità, è un buon metodo per mantenere un corpo sano e una corretta prevenzione delle patologie. Per la prevenzione dell’osteoporosi è sufficiente camminare di buon passo per un’oretta al giorno.
  3. Una vita all’aria aperta
    Una vita all’aria aperta e l’esposizione ai raggi solari sono un altro accorgimento per la prevenzione dell’osteoporosi. La luce solare infatti agisce sulla pelle producendo vitamina D utile per far assorbire il calcio dall’intestino. In caso di persone anziane è consigliabile un supplemento di vitamina D tramite integratori alimentari.

osteoporosi

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *